Ricette dello chef con il re delle tavole di questa stagione: funghi rositi arrosto

E’ difficile non andarne ghiotti: gratinati, trifolati, abbinati ad un primo o secondo piatto; comunque li si voglia cucinare i funghi deliziano qualsiasi tipo di palato, anche il più raffinato.

Nella stagione a loro dedicata, il nostro chef Piero Cantore ci propone – a tal proposito – una ricetta che li vede protagonisti assoluti, facile e semplice da cucinare, ma sempre gustosissima.

Lo chef spiega: “Periodo di funghi rositi o conosciuto dai micologi come Lactarius deliciosus, un fungo davvero versatile; in cucina lo si può preparare in diversi modi: tra i più conosciti al forno con le patate e poi gratinato, trifolato, con gli spaghetti e infine, ma non meno importante, arrostito semplicemente.

Oggi parliamo proprio dei funghi arrostiti: assaporandoli scopriamo il gusto autentico di questo particolare fungo, già quando lo si taglia si comprende la sua corposità (infatti è un fungo molto compatto, integro che dà l’impressione che si stia tagliando una fettina di carne), poi in bocca è pieno, un sapore robusto”.

Passiamo agli INGREDIENTI (per 4 persone):

 _1 kg di funghi rositi

_2 spicchi d’aglio

_olio di oliva

_sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE:

Prendiamo i rositi puliamoli per bene sotto l’acqua e tagliamo a filo il gambo, dopodichè lasciamoli riposare in una ciotola con l’olio di oliva extravergine, il sale e il pepe. Nel frattempo togliamo dagli spicchi di aglio l’anima interna, la tagliamo a pezzetti piccoli e li uniamo ai funghi. Amalgamiamo il tutto per bene e lasciamo riposare per circa 15 minuti .

Passato questo tempo prendiamo una padella antiaderente, la mettiamo sul fuoco e la facciamo riscaldare a fiamma vivace. Quando risulterà ben calda, mettiamo dentro i funghi e li cuociamo per 5 minuti da un lato e 5 dall’altro. Quando avranno preso un colorito più scuro, tale da capire che siano ben arrostiti, li adagiamo su un piatto e li condiamo con un filo di olio. I funghi arrostiti sono pronti per essere serviti ben caldi a tavola.

Possiamo abbinare a questo piatto, essendo un po’ grasso e corposo, un vino rosato. Lo chef consiglia: Terre di Cosenza Fiego rosè, il giusto abbinamento.

Appuntamento alla prossima settimana con un altro gustosissimo piatto, la prossima ricetta da non perdere: spaghetti alla chitarra con funghi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*